Tanca De Su Scusorgiu significa il nascondiglio del tesoro. Il tesoro del presente si chiamano privacy e tranquillità!

-
Prenota on line

Cosa vedere in Ogliastra

L’Ogliastra è una delle province della Sardegna che presenta la migliore varietà di paesaggi, dei veri e propri monumenti di origine naturale caratterizzati da una natura incontaminata, luoghi di rara bellezza che ben si prestano a lunghe passeggiate a piedi, in bicicletta oppure in sella ad un cavallo. Il territorio ogliastrino è in gran parte a carattere montagnoso, immense pareti di roccia calcarea a strapiombo sul mare, che in alcuni tratti lasciano il posto allo splendido granito rosa, caratteristico di alcuni territori come Villagrande e Cardedu.

Cosa si può Vedere in OgliastraUno dei monumenti naturali più belli e caratteristici dell’Ogliastra è sicuramente la Pedra Longa a Baunei, una vera e propria guglia di roccia calcarea che si estende perpendicolarmente sul mare per più di cento metri, e che si narra stia all’origine del nome della provincia ogliastrina. Infatti, per via della sua particolare forma, nell’antichità veniva chiamata dai marinai con il nome di Agugliastra, la cui assonanza con il nome della zona della Sardegna che la ospita appare abbastanza palese.

Nella zona di Gairo si trova la Perda ‘e Liana, una formazione rocciosa che nel dialetto locale viene chiamata “taccu”, e che si è creata nel tempo grazie all’erosione del substrato calcareo, e che oggi, per via del fatto che può essere intravista da grandi distanze, rappresenta un punto di riferimento per gli spostamenti nel territorio. Tutta la zona che circonda la Perda ‘e Liana è oggi destinata ad ospitare dei parchi naturali, che nasceranno con lo scopo di ripopolare la fauna locale, con particolare riferimento ai rapaci, e per il rimboschimento, così da rimediare ai danni causati dal taglio degli alberi circostanti, destinati al riscaldamento domestico.

Durante una vacanza in Ogliastra non si può fare a meno di visitare le sue splendide grotte naturali, a partire dalla più famosa, la Grotta del Bue Marino, situata nel territorio di Cala Gonone, e che si affaccia sul Golfo di Orosei. Nel territorio di Ulassai si trova la Grotta de Su Marmuri, una delle più imponenti di tutta Europa, e considerata una grotta ancora viva, cioè che non ha ancora terminato di formarsi.

Ritornando nel territorio di Baunei troviamo ben due grotte molto interessanti da visitare, la Grotta del Fico, posta tra le due spiagge di Cala Biriola e Cala Mariolu, che il pubblico ha potuto cominciare a visitare solo circa dieci anni fa, e che ancora oggi non è stata esplorata nella sua interezza, e la Grotta Su Meraculu, vicino alla spiaggia di Cala Sisine, che deve il suo nome agli splendidi giochi di luce che caratterizzano la sua ampia sala centrale, per via delle numerose e bizzarre forme di stalattiti e stalagmiti presenti.

Rimanendo nell’abitato di Baunei possiamo ammirare la voragine del Golgo, un’imboccatura di quasi trecento metri di profondità, che rappresenta una delle voragini più profonde che siano presenti in tutto il territorio europeo. In principio si pensava che fosse la bocca di un antico vulcano, e veniva segnalata così anche nelle vecchie mappe topografiche, ma dopo le prime esplorazioni si rivelò essere una voragine creata dall’erosione, apertasi quando la roccia basaltica che la sormontava precipitò al suo interno.

 

Dai residence di Cardedu si possono raggiungere molto facilmente tutti i luoghi più suggestivi dell’Ogliastra, per una vacanza a stretto contatto con alcune delle meraviglie di origine naturale più belle non solo del territorio ogliastrino, ma dell’intera Sardegna, un tuffo nella natura incontaminata nel cuore battente dell’isola sarda.